“ROMOLO+GIULY”: È ARRIVATA LA GUERRA MONDIALE ITALIANA MA L’IRONIA CI SALVERÀ LA VITA

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

“L’idea nasce da una mia storia passata – incalza Giulio Carrieri, seduto al tavolo per l’evento Industry Panel, in occasione del NÓT FILM FESTIVAL, a Santarcangelo di Romagna  – Stavo con una ragazza di Cortina d’Ampezzo mentre io sono di Roma. Ogni volta che raccontavo di questa relazione a distanza, mi rendevo conto che c’erano degli elementi comici per le profonde differenze culturali, nonostante l’area geografica fosse relativamente piccola. Possibile che anche in uno spazio così ristretto come l’Italia, si possa essere tanto diversi gli uni dagli altri?”

È così che comincia ormai tre anni fa il viaggio verso quella che sarebbe poi diventata la nuova serie tv di Fox, “Romolo+Giuly”, scritta da Giulio insieme a Michele Bertini Malgarini, regista, e Alessandro D’Ambrosi, co-writer e attore protagonista della serie.

Ma come si fa a trasformare uno script con potenziale, prima in trailer da 3 milioni di visualizzazioni online e farlo poi arrivare alla tv?

Si può fare – dice Federico Ferrante, inizialmente produttore del primo trailer pilota e adesso, con la sua ZeroSix Productions, co-produttore ed executive producer della serie tv – ma ci vogliono fortuna, talento e coraggio. Un enorme lavoro è stato fatto anche insieme a Wildside e Fox che hanno deciso di produrre questa serie, rischiando insieme a noi. Inoltre, squadra che vince non si cambia: stesso team e stesso modus operandi utilizzato per scrivere la primissima stesura. Oneri e onori condivisi e la voglia di osare lavorando incessantemente per mesi” afferma. “All’inizio mi sono innamorato della sceneggiatura, un vero colpo di fulmine perché è dinamica, divertente e completa. Una versione romano-centrica della tragedia shakespeariana di Romeo&Giulietta, che qui diventa una parodia grottesca di chi siamo come esseri umani.”

Cast e producers alla premiere della serie Tv in onda su Fox

Romolo, coatto di Roma Sud, e Giuly, la fighetta di Roma Nord, si innamorano e sullo sfondo la capitale, con la faida senza esclusione di colpi tra le rispettive famiglie, i Montacchi e i Copulati, guerra che a sua volta diventa metafora di una contrapposizione molto più evidente, “Abbiamo creato dei personaggi che rivelano una mostruosità  intrinseca all’animo umano e che riflettono un po’ quello che sta accadendo alla nostra società: abbiamo paura del diverso, attacchiamo ciò che non conosciamo.

Beatrice Arnera & Alessandro D’Ambrosi, rispettivamente Giuly Copulati e Romolo Montacchi

Ferrante però prende le distanze dalla politica, “non siamo schierati da nessuna parte” e preferisce parlare di cambiamento culturale: l’obiettivo della serie tv è proprio quello di usare l’ironia per invitare alla riflessione in merito a ciò che sta accadendo intorno a noi.

Ma la serie è anche altro: “Romolo+Giuly” è una boccata di aria fresca, in un’Italia che si prende spesso troppo sul serio e lo pensiamo davvero: una risata vi seppellirà e l’ironia ci salverà la vita.

_________

ROMOLO + GIULY

In onda su FOX, canale 112 di Sky a partire dal 17 settembre.

Elena Castellini

Share.

About Author

Leave A Reply