MAMME “KEEP CALM AND…” A RILASSARVI CI PENSA SKIPPER!

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Mamme troppo ansiose? Ti interroghi sempre su cosa sia meglio per tuo figlio? Tranquille Mamme! A togliervi dubbi e ansie ci pensa SKIPPER!
E tu che genitore sei? 

Molte molte mamme si interrogano su cosa sia meglio per i propri figli e Skipper, brand di succhi di frutta del Gruppo Zuegg, ha tentato di rispondere con i preziosi consigli della Dott.ssa Paola Medde (psicologa e psicoterapeuta) e la Dott.ssa Valeria del Balzo (biologa e nutrizionista).

MAMME A TEMPO PIENO: 1 SU 2 SI IMPEGNA A MIGLIORARSI OGNI GIORNO

Porre grande attenzione sui propri figli, dedicarsi alla loro crescita “in salute” sia fisica che psicologica è l’obbiettivo di ogni mamma e, se non raggiunto genera ansia e preoccupazione. Il campione esaminato rileva che ben 1 mamma su 2 si impegna per migliorare se stessa nel ruolo di genitore ogni giorno, vivendo con molta tranquillità la propria di genitorialità, ritenendo di fare abbastanza bene (25%). L’11% però si rimprovera delle mancanze, perché, come genitori, si vuole fare sempre di più e sempre meglio, si sa.

brown wooden blocks on white table

Dalla ricerca condotta da Skipper su un campione di 600 mamme italiane, emerge che oltre al timore di non “fare bene” nelle mamme si annidano altre paure, come quella che i propri figli possano non trovarsi bene con il gruppo di classe o che possano non essere in grado di adattarsi a nuovi ritmi. A queste si aggiungono quelle inevitabilmente connesse al periodo di incertezza sanitaria che stiamo vivendo. Infatti, ben il 17% delle intervistate, teme che a scuola possa aumentare il rischio di contagio, ed è anche preoccupata dell’impatto che la nuova organizzazione scuola-casa avrà sulla gestione dell’emotività dei figli.

MA COME SONO LE MAMME QUANDO SI PARLA DI SCELTE ALIMENTARI?

Tolti i timori legati all’emergenza Covid, a preoccupare le mamme è anche la corretta alimentazione dei figli (9%). Per le mamme intervistate, fornire una corretta dieta alimentare ai propri figli è importante (24%), ma si scoprono anche ansiose e insicure, in colpa per non riuscire a controllare l’alimentazione come vorrebbero o perché non consapevoli di quali siano gli alimenti giusti e le giuste porzioni (40%). Tra le paure principali troviamo quella che i propri piccoli non mangino abbastanza e che vengano proposti alimenti non graditi. Il timore di non riuscire nell’intento di far assumere sufficienti quantità di frutta e verdura ai propri figli è infatti preponderante, soprattutto quando si tratta di bambini piccoli (41%).

“Costrizioni e forzature non servono a garantire l’apprendimento di un comportamento sano perché l’educazione, in campo alimentare, è il risultato di una molteplicità di fattori e insistere sempre con le stesse metodologie fallimentari porta agli stessi miseri risultati. Perché, quindi, non provare a fare altro? Ad esempio, utilizzare chips di verdure, al posto di quelle tradizionali può essere un’ottima soluzione per superare la neofobia spesso presente nei cibi-sapori ancora non conosciuti e verso i quali i bimbi sono naturalmente diffidenti”, commenta la Dott.ssa Paola Medde, psicologa e psicoterapeuta.Ancora, basterebbe abituare al sapore della frutta i nostri piccoli facendogli bere succhi di frutta senza zuccheri aggiunti a merenda; un modo alternativo per garantire l’apporto nutritivo e vitamine necessarie e creare le basi per il passaggio alla frutta “solida” anch’essa contenente zuccheri. La falsa credenza che il succo di frutta sia una bevanda ricca di conservanti, coloranti e zuccheri deve essere sfatata per lasciare il posto a quella, più realistica che vede, in queste bevande, uno strumento pratico per garantire una sana alimentazione, utile a colazione e merenda”.

Un’ottima soluzione è suggerita proprio da Skipper che fa scacco matto ai pregiudizi e alle ansie delle mamme verso i tradizionali succhi di frutta e risponde con la linea Skipper senza zuccheri aggiunti, niente coloranti né conservanti, con un’alta percentuale di frutta e con solo 60 kcal per brik. Un’alternativa vincente alla frutta fresca, grazie agli ingredienti naturali e la praticità delle confezioni.

Dalla ricerca è evidente che i succhi di frutta rappresentano per le mamme uno spuntino sano e nutriente: ben l’87% del campione dichiara di darli ai propri figli dalle 1- 2 volte a settimana (per il 36%) alle 3-4 volte a settimana (23%).

 

Share.

About Author

Peggio di una radio la mia #ParlaNtina vi accompagnerà tra gli eventi più cool della movida milanese, tra location da sogno, nuove tendenze, food experiences and beyond.

Comments are closed.